Gesù e la Foresta –...
 
Notifiche
Cancella tutti

Gesù e la Foresta – Studio Gayatri Naturopatia dell’Anima


(@natyan27)
Noble Member Admin
Registrato: 7 anni fa
Post: 1987
Topic starter  

Gesù e la Foresta – Studio Gayatri Naturopatia dell’Anima

Riprendiamo le distorsioni di molti ricercatori spirituali in merito agli insegnamenti che giungono dall’India e dall’Oriente in generale.

Non sono pochi coloro i quali credono che occorra eliminare ogni desiderio materiale per essere definiti veri contemplatori dell’oceano divino.

Naturalmente esistono anche le monache di clausura, o gli eremiti Himalayani, ma ciò non vuol dire che tutti gli altri non possano essere altrettanto spirituali.

Il grande Vivekananda, così si esprimeva: “Dove sarebbero tutti questi nostri ospedali, le scuole, le strade, gli istituti di beneficienza, gli orfanotrofi, se non ci fossero grandi imprenditori e tutti coloro che si dedicano al lavoro, pagando le tasse necessarie per la realizzazione di ogni progetto? In questi casi la ricchezza non è affatto un male, perché viene redistribuita”.

Gesù stesso ebbe a dire: “Siate nel mondo, ma non del mondo!” a significare che, comunque, nel mondo, occorre esserci, anche se con uno spirito solidale e di condivisione.

La sua affermazione è paragonabile ad un proverbio spirituale indiano: “Cuore nella foresta e mani nella società!” a voler ricordare che la meditazione della foresta va benissimo, purché non ci si dimentichi di essere utili in società.

Il termine Karma, spesso bistrattato e usato male in occidente, non significa solo “legge di causa-effetto” poiché include anche altri significati, come per esempio, azione, ritualismo e, non per ultimo in fatto di importanza, lavoro.

In sintesi, chi pratica il Karma Yoga vede il proprio lavoro come una serie di azioni tutte volte al servizio di Dio. E in che modo desidera essere servito Dio? Semplicemente servendo i suoi figli, quindi dedicando il lavoro non solo al proprio egoistico guadagno bensì anche a beneficio di tutta la comunità.

Quando un ricercatore spirituale si rivolse al mistico Paramhansa Ramakrishna chiedendogli: “Maestro, ma solo gli asceti hanno la possibilità di realizzare Dio nel proprio Cuore? Per un capo-famiglia come me non c’è speranza?” Ramakrishna così rispose: “Privilegiato è colui le cui qualità di Testa e di Cuore sono totalmente sviluppate e armoniosamente equilibrate. Egli si comporta esattamente come conviene, in tutte le situazioni. Ha verso Dio una Fede semplice e un Amore sincero, e la sua condotta verso gli altri non lascia niente a desiderare. Coinvolto nelle faccende correnti si mostra un perfetto uomo d’affari; in compagnia dei dotti fa valere la sua istruzione e mostra nelle discussioni un gran potere di ragionamento. E’ obbediente e affettuoso verso i suoi genitori, amorevole e dolce con i fratelli e gli amici; è buono e pieno di simpatie per i suoi vicini, sempre pronto a venir loro in aiuto. Agli occhi della sua donna è il Signore dell’Amore. Un uomo così fatto è veramente perfetto”.

Tratto dal Corso: Naturopatia dell’Anima

natyan

Se desideri essere aggiornato sui Programmi Gayatri clicca qui:  https://www.studiogayatri.com/newsletter/


Citazione
Condividi: